A ogni operazione la banca assegna tre tipi di date:
data contabile: il giorno in cui la banca registra l’operazione
data disponibile: il giorno dal quale il denaro accreditato può essere utilizzato per pagamenti e prelievi
data valuta: il giorno dal quale le somme versate iniziano a produrre interessi per il cliente e quelle prelevate cessano di
produrli.
Il contratto deve indicare le date valuta su versamenti e prelievi e le date per la disponibilità degli importi accreditati.