Avete controllato di non avere nel cassetto o nascosto nell’ armadio del nonno un libretto al portatore con sopra più di 2500 euro?

Fino al 30 giugno, l’ art 49 del Dlgs 231/2007, prevedeva che il limite massimo del saldo per i libretti bancari o postali al portatore fosse di 5000 euro e che il tutto dovesse essere fatto entro e non oltre il 30 giugno 2011.

Successivamente invece il 13 agosto 2011 entra in vigore l’articolo 2 del Dl 138/2011 che previene “… l’utilizzo del sistema finanziario a scopo di riciclaggio dei proventi di attività criminose e di finanziamento del terrorismo…limitando l’uso del contante e dei titoli al portatore”; con l’ entrata in vigore di questo articolo, il limite del saldo dei predetti strumenti finanziari si abbassa notevolmente, portando l’asticella del massimo a 2500 euro e portando la data entro la quale adeguare i nostri risparmi al 30 settembre 2011.

La violazione di tale norma , prevede il pagamento di una sanzione tra il 20% e il 40% del saldo; la norma prevede che la sanzione amministrativa pecuniaria non possa comunque essere inferiore, nel minimo, all’ importo di 3000 euro: BELLA BOTTA!

Come adeguare il libretto secondo le norme?

Per rientrare nei termini previsti dalla norma, dovrete semplicemente effettuare il prelievo della somma in eccedenza dai 2500 euro versandoli ad esempio su di un conto correnteCOS'E' UN CONTO CORRENTE? Prodotto per la raccolta dei risp... o procedere all’ estinzione dello stesso.

Non siete stati informati da Poste Italiane o dalla vostra Banca?

L’ articolo 49, comma 13, prescrive che le banche e Poste Italiane debbano “dare ampia diffusione e informazione all’ obbligo di adeguamento dei libretti al portatore”. Tuttavia, la mancata o inadeguata informazione da parte della non banca non integra una causa di esclusione della responsabilità del cliente, che sarà quindi tenuto al pagamento della sanzione pecuniaria che gli verrà notificata.

L' Opinione di GUIDA CONTI ONLINE
La legge parla chiaro…e bastona in maniera davvero pesante. Crediamo quindi che sia in questi casi che si veda la differenza tra una banca ed un altra nel dare la corretta e tempestiva informazione. La professionalità e serietà di un istituto di credito, prevederebbe che ogni singola filiale o ufficio postale che dir si voglia, effettui un giro di chiamate verso i clienti passibili di sanzione per tutelare la posizione di quest’ ultimi.

ATTENZIONE: e’ stato varato un nuovo decreto in materia di titoli (libretti) al portatore e vi invitiamo a leggerlo

 Nuove norme libretti al portatore

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi